mare
 
Archivio Articoli Tieniti aggiornato!
Iscriviti ai feed RSS di nautica.patentati.it
Torna a tutte le notizie
Area Personale

Esporatrice inglese salvata dal personal locator di Mc Murdo

aggiunto il 23-Nov-2012

Personal locator beacon 220 di Mc Murdo

La tecnologia ti può salvare la vita. E’ successo recentemente ad una giovane esploratrice inglese di 27 anni laureata ad Oxford, Sara Outen, che nel luglio scorso ha tentato un’impresa eccezionale: percorrere la traversata Giappone-Canada in barca a remi senza alcun equipaggio, per un viaggio della durata di due anni e mezzo che aveva come obiettivo quello di fare il giro del mondo con mezzi spinti esclusivamente da forza umana.

Una storia avvincente di un’avventuriera coraggiosa, che durante il tragitto, mentre si trovava in mare a bordo della sua barca a remi di 8 metri chiamata Gulliver, si è trovata a lottare con la tempesta tropicale Mawar. La Gulliver si trovava a 560 miglia dalla costa giapponese mentre si scatenava la tempesta, che si è rovesciata per le forte raffiche di vento e per il mare agitato.

La piccola barca a remi non è uscita indenne dalla tempesta, e ha cominciato ad imbarcare acqua. E’ stato in quel momento che la Sara ha deciso di utilizzare il personal locator beacon 220 di Mc Murdo, azienda inglese leader nella produzione di apparecchiature di emergenza, che ha immediatamente mandato il segnale alle autorità di soccorso attraverso un sistema satellitare di ricerca e soccorso COSPAS SARSAT a 406 MHz. Questo modello inoltre trasmette anche un segnale radiogoniometrico a 121.5 MHz, è resistente all’acqua fino ad una profondità di 10 metri e a temperature fino ai –20 gradi. Una luce a LED facilità le operazioni di salvataggio nelle condizioni di scarsa visibilità.

Il segnale di pericolo, trasmesso dal personal locator per 24 ore consecutive, è stato ricevuto dalla Guardia Costiera di Falmouth, Cornovaglia, che ha avvisato la Guardia Costiera giapponese che a sua volta ha organizzato in breve tempo il soccorso avvenuto con successo. Uno strumento che è stato fondamentale per Sara Outen, dato che la radio EPIRB montata sulla barca è andata perduta durante la tempesta.

 

stai visualizzando 0 commenti su 0 totali
 Lascia un commento

per commentare gli articoli devi fare il login
se non sei ancora registrato clicca qui per entrare a far parte della nostra community!

caratteri scritti: 0 su 1000 massimi

© 2018 - nautica.patentati.it | condizioni | privacy | contatti

Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze, eBrave S.r.l. utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy